Organizzare il Cammino di Santiago

Organizzare il cammino di santiago anche procurando credenziale e conchiglia

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email

Ci siamo. Ci hai pensato tanto, la decisione è stata lunga e ponderata. È stata solo un’idea per tanto tempo, ma finalmente si è verificato un episodio, una parola di un amico, un avvenimento (magari sentimentale o lavorativo) che ti ha fatto fare quel piccolo salto che mancava. O ci stai ancora pensando?

In questa sezione parleremo di tutto ciò che può essere utile sapere per organizzare il Cammino di Santiago, magari anche per coloro che devono ancora decidere se intraprendere o no questa magnifica avventura. E non è finita qui! Continua a leggere sino alla fine questo articolo e troverai un sondaggio e la lista delle cose da fare prima di partire!

Indice dei contenuti:

La partenza del pellegrino

Due pellegrini in cammino

Un pellegrino spagnolo raccontava spesso che iniziò a diventare tale senza nemmeno esserne cosciente; ma ripensandoci in seguito riuscì ad individuare un momento preciso. Fu questa frase che, lentamente ma inesorabilmente, iniziò, ancor prima di intraprendere il Cammino, a scavare dentro la sua anima:

"Ricordati che qualsiasi momento è buono per cominciare. Apprendi dagli audaci, dai forti, da chi non accetta compromessi, da chi vivrà malgrado tutto. Alzati e guarda il sole nelle mattine e respira la luce dell’alba. Tu sei la parte della forza della tua vita. Adesso svegliati, combatti, cammina, deciditi e trionferai nella vita; non pensare mai al destino, perché il destino è il pretesto dei falliti".

(Pablo Neruda)

Non pensiamo ci sia molto da aggiungere a questi versi scritti da un gigante dell’arte e della letteratura mondiale come Pablo Neruda, ci limitiamo quindi a sottoscriverli in pieno!

Si dice che un pellegrinaggio inizi a essere tale nel momento in cui la persona varca la soglia della porta di casa propria o, addirittura ancora prima, quando il desiderio di partire si instilla lentamente nell’anima di colui che brama questa avventura. Se volessimo fare un salto nel tempo, quasi come se ci teletrasportassimo nella storia del Cammino, ricordiamo che al pellegrino medievale spesso veniva “concesso” il permesso di partire dalle autorità religiose locali, ponendo alla base di questo viaggio fedeltà e devozione.

Avveniva dunque la vestizione con i poveri abiti da viandante e così, impugnando il bastone, il pellegrino riceveva la benedizione divina dal sacerdote. Era arrivato il trepidante momento della partenza, il principio di un viaggio lungo centinaia di chilometri: sarebbero passati molti mesi prima che potesse tornare a casa, tante difficoltà e pericoli da affrontare, solo con le sue forze.

E oggi? Per quanto non vengano più praticati i riti descritti né siano presenti, in molti casi, le motivazioni religiose, il Cammino di Santiago comunque conserva quell’aura di misticismo e di “cammino di vita” che fa sì che esista un’ansia comune a tutti i pellegrini prima che varchino la fatidica soglia di casa.

Cammino di Santiago: come organizzarsi per l’equipaggiamento

Equipaggiamento da escursionismo

Nel momento in cui prenderai la decisione di partire per il Cammino di Santiago, presumibilmente ti porrai numerose domande e inizierai a cercare sul web le risposte che ti potranno aiutare a dirimere i dubbi più pressanti. Proprio per cercare di rispondere a questi quesiti, abbiamo immaginato quali possano essere gli argomenti più pertinenti, prendendo spunto dal nostro “avvicinamento” al primo Cammino di Santiago.

Superata la fase che riguarda gli aspetti organizzativi, certamente inizierai a occuparti dell’equipaggiamento, anche perché, come ripeteremo spesso nel sito, è preferibile (quasi obbligatorio per le scarpe!) che l’allenamento sia fatto con ciò che userai durante il Cammino. A questo proposito, abbiamo cercato di approfondire l’argomento con questi articoli:

Organizzare il Cammino di Santiago: cosa fare prima della partenza?

Come promesso, abbiamo preparato una lista delle cose da fare prima di partire per il Cammino di Santiago:

  • Decidere se partire da soli o in compagnia;
  • Stabilire la data di partenza;
  • Prenotare l’aereo e i mezzi di collegamento con il luogo di partenza;
  • Comprare l’equipaggiamento;
  • Allenarsi;
  • Procurare la credenziale;
  • Comprare la guida;
  • Richiedere o caricare la carta prepagata;
  • Preparare lo zaino;
  • Salutare tutti (anche quelli che dicono che sei fuori di testa! ;))

Partecipa al sondaggio

Dopo aver tanto letto sul Cammino di Santiago ecco finalmente il momento per pensare all'organizzazione del Cammino e all'equipaggiamento. Sei pronto a iniziare questo percorso verso questa magnifica avventura?

Potrebbe anche interessarti